La Lettera Inviata Dagli Avvocati Di Beppe Grillo A Federica Salsi

Federica Salsi, consigliere comunale di Bologna, ha pubblicato sul proprio blog la lettera che le è stata inviata dallo studio legale Squassi e Montefusco di Milano su mandato di Beppe Grillo. Con la raccomandata, le è stata revocata la possibilità di utilizzare il simbolo e il nome del Movimento 5 stelle ed è stata di fatto sancita la sua espulsione.

“Gentile dottoressa Salsi, le indirizzo la presente in nome e per conto di sig. Giuseppe detto Beppe Grillo – si legge nella lettera – con riferimento al suo ruolo di consigliere comunale per il Comune di Bologna, eletta nella lista contrassegnata dal marchio registrato ‘Movimento 5 stelle’ di cui il mio cliente è proprietario in via esclusiva, per comunicarle la decisione del sig. Grillo di revocare l’autorizzazione all’uso da parte sua del predetto marchio”

“Benchè tale decisione sia legittimata dalla facoltà del mio assistito di disporre in modo pieno ed esclusivo del diritto che gli deriva dalla proprietà del nome e del marchio del Movimento, il sig. Grillo intende sottolineare come essa trovi origine nella sua evidente presa di distanza dalle invero poche norme comportamentali condivise da quanti prendono parte al Movimento stesso e dalla formulazione di giudizi sulle modalità di gestione di quest’ultimo che si pongono in contrasto altrettanto evidente con la partecipazione alle attività promosse nel suo contesto”.

“Su tali premesse – conclude la lettera – la invito ad astenersi per il futuro dal qualificare la sua azione politica come riferibile al Movimento stesso o più in generale come ispirata dalla persone del sig. Grillo mio cliente. Distinti saluti”.

La lettera integrale / federicasalsi.it

La revoca dell’utilizzo del marchio è successiva alla partecipazione della Salsi alla trasmissione televisiva Ballarò di Rai 3. Beppe Grillo ha scritto sul suo blog riferendosi alla consigliera bolognese: “Il punto G, quello che ti dà l’orgasmo nei salotti dei talk show. L’atteso quarto d’ora di celebrità di Andy Warhol. A casa gli amici, i parenti applaudono commossi nel condividere l’emozione di un’effimera celebrità, sorridenti, beati della tua giusta e finalmente raggiunta visibilità”.

“Lo share del programma aumenta – continuava il post – tutto merito tuo, trattato e esibito come un trofeo, come un alieno, una bestia rara e, contemporaneamente diminuisce il consenso per il Movimento a cui appartieni o dici di appartenere”. L’espulsione della Salsi, anche per le modalità adottate da Beppe Grillo, suscitò parecchio scandalo ma, come fa notare la stessa “epurata”, nella lettera degli avvocati “non viene citata nessuna norma precisa che avrei violato, non c’è nessun riferimento a partecipazioni a programmi televisivi, invece è ben chiaro come i miei ‘giudizi sulle modalità di gestione’ del Movimento non siano stati tollerati”.

Federica Salsi aveva sollevato a più riprese dubbi sui soldi guadagnati dal comico con il suo blog attribuendo anche a queste richieste di spiegazioni la sua espulsione: “Non ho la più pallida idea di quanti soldi guadagni con le pubblicità e come vengono spesi. Quando ho posto il problema sono stata cacciata” (leggi l’articolo).

“Quindi tu hai un valore, il tuo lavoro, il tuo blog ha un valore e quello che fa Casaleggio ha un valore. Allora, questo valore quant’è? Io credo che sia un atto dovuto far trasparenza su questo – ha spiegato Federica Salsi a Sabrina Giannini di Report -.  Perché almeno le persone si rendono conto. A meno che loro non dicano ‘Il blog costa un sacco di soldi, quindi non possiamo dirlo quanto costa’, perché se no crollerebbe il castello di carte che dice che la politica si fa a costo zero. Perché se quell’operazione, se il blog per stare in piedi ha un costo elevato allora non mi puoi più raccontare che la politica si fa a costo zero. Perché il blog è il principale motore di tutto il Movimento”.

The following two tabs change content below.

Davide Casati

Giornalista
Nato sulle rive di "quel ramo del lago di Como" nel 1990. Ha collaborato con Panorama, Radio Popolare, Lettera43 e come fotografo per le agenzie Demotix e Infophoto.